Carenza di vitamina D in inverno

Gennaio 03, 2023

L’inverno è un periodo dell’anno in cui le giornate si accorciano e le temperature si fanno più rigide, rendendo difficile uscire e godersi il sole. Purtroppo questo può portare a una carenza di vitamina D durante i mesi invernali, poiché la vitamina D si ottiene principalmente attraverso l’esposizione al sole. La vitamina D è essenziale per la salute delle ossa, del sistema immunitario e della salute generale, quindi è importante assumerne la giusta quantità ogni giorno. Fortunatamente, ci sono alcuni semplici modi per assicurarsi di non avere carenze di vitamina D durante i mesi invernali. Ecco alcuni consigli su come evitare la carenza di vitamina D durante i freddi mesi invernali.

Qual è il ruolo della vitamina D nell’organismo?

La vitamina D è la principale responsabile dell’assorbimento e del mantenimento di livelli adeguati di calcio e fosforo nell’organismo. Entrambi i minerali si trovano soprattutto nello scheletro.

  • Il calcio è il minerale più abbondante nell’organismo ed è necessario per costruire e mantenere ossa forti. Serve anche per svolgere altre funzioni come la contrazione muscolare, la coagulazione del sangue e gli impulsi nervosi.
  • Il fosforo è il secondo minerale più abbondante nell’organismo. Si trova soprattutto nei denti e nelle ossa. Il fosforo è presente in ogni cellula del corpo e costituisce circa l’1% del peso corporeo totale di una persona [1] Ha anche funzioni metaboliche come l’immagazzinamento di energia e la regolazione degli enzimi.

Quali sono le cause della carenza di vitamina D?

  • Mancanza di esposizione al sole: è molto comune durante l’inverno, poiché le persone trascorrono più tempo in casa e la pelle ha un’esposizione limitata alla luce solare. Allo stesso modo, le persone che vivono alle latitudini settentrionali o in aree altamente inquinate possono avere difficoltà ad esporsi al sole.
  • Colore della pelle: la pigmentazione della pelle riduce la capacità dell’organismo di assorbire i raggi ultravioletti B (UVB) del sole.
  • Adulti anziani: Con l’età, la capacità dell’organismo di sintetizzare la vitamina D si deteriora. È inoltre comune che le persone anziane trascorrano più tempo al chiuso.
  • Obesità: Le persone con un’alta percentuale di grasso corporeo possono avere difficoltà a sintetizzare la vitamina D attraverso la pelle. [2]

Quali sono i sintomi della carenza di vitamina D?

Nella maggior parte dei casi, le persone con carenza di vitamina D non presentano sintomi. Tuttavia, la carenza cronica può causare ipocalcemia, una malattia da carenza di calcio, e iperparatiroidismo, in cui le ghiandole paratiroidi creano uno squilibrio ormonale che aumenta i livelli di calcio nel sangue. [3]

Queste condizioni possono causare sintomi secondari come

  • Fragilità ossea
  • Dolore osseo
  • Stanchezza
  • Debolezza muscolare
  • Dolore muscolare
  • Artralgie o rigidità articolare

Quali sono le implicazioni per la salute della carenza di vitamina D?

Una carenza prolungata di vitamina D può provocare complicazioni quali:

  • Condizioni cardiovascolari
  • Problemi autoimmuni
  • Malattie neurologiche
  • Infezioni
  • Complicazioni della gravidanza
  • Alcuni tipi di cancro, come il cancro al seno, alla prostata e al colon.

health implications of Vitamin D deficiency

Quali sono le migliori fonti di vitamina D?

Pochissimi alimenti contengono questa vitamina in forma naturale. Gli alimenti arricchiti con vitamina D forniscono la maggior parte della vitamina D nella dieta delle persone negli Stati Uniti [4]. La vitamina D si trova naturalmente in alimenti quali:

  • Esposizione al sole
  • Alimenti arricchiti
  • Pesci grassi come salmone o trota
  • Olio di fegato di pesce
  • Tuorlo d’uovo
  • Avocado
  • Funghi
  • Fegato di manzo

Come evitare la carenza di vitamina D durante l’inverno?

Ironia della sorte, è proprio durante l’autunno e l’inverno che abbiamo più bisogno di vitamina D per combattere i virus tipici della stagione. Per questo motivo, è di vitale importanza adottare misure adeguate contro la carenza stagionale di vitamina D.

  • Aumentare l’assunzione di alimenti ricchi di vitamina D.
  • Assumete un integratore di vitamina D (consultate il vostro medico per il dosaggio corretto).
  • Cercare di prendere il sole per 15 minuti al giorno.

Predisposizione genetica alla carenza di vitamina D

Diversi studi hanno identificato variazioni genetiche in vari geni che contribuiscono alla carenza di vitamina D, ad esempio. Il gene della componente gruppo-specifica (GC), noto anche come proteina legante la vitamina D (DBP), codifica una proteina appartenente alla famiglia dei geni dell’albumina che si lega alla vitamina D e la trasporta ai tessuti bersaglio. Anche le mutazioni genetiche di questi geni sono state associate alla carenza di vitamina D in numerosi studi.

Il test genetico CrossDNA analizza questo e altri geni correlati alla predisposizione alla carenza di vitamina D. Scoprite come potete prendervi cura della vostra salute prendendo decisioni informate e personalizzate in base al vostro DNA.

Bibliografia

[1] Fósforo en la dieta. (s. f.). MedlinePlus en español. Recuperado 28 de diciembre de 2022, de https://medlineplus.gov/spanish/ency/article/002424.htm

[2] [3] Ware, M., RDN, & L.D. (2022, febrero 23). Vitamin D: Benefits, deficiency, sources, and dosage. Medicalnewstoday.com. https://www.medicalnewstoday.com/articles/161618

[4] Romaní de Gabriel, J. (2010). Vitamina D. Actas dermo-sifiliograficas, 101(9), 739–741. https://doi.org/10.1016/j.ad.2010.07.001

[5]  Slater, N. A., Rager, M. L., Havrda, D. E., & Harralson, A. F. (2017). Genetic variation in CYP2R1 and GC genes associated with vitamin D deficiency status. Journal of Pharmacy Practice, 30(1), 31–36. https://doi.org/10.1177/0897190015585876

TAGS:
0
    0
    Your Cart
    Your cart is emptyReturn to Shop